Nati il 23 novembre

Nascere il 23 Novembre: irriverenza e reazione

La numerologia esoterica legge il 23 come un 5, poiché 2+3 = 5. Nei migliori libri di numerologia il 5 viene immediatamente associato alla mediazione, al collegamento. Secondo gli esperti del settore il 5, al suo massimo, rappresenta il collegamento tra Dio e l’Uomo.

Le persone che hanno questo numero così particolare nella propria data di nascita sviluppano una necessità di imparare a conoscere sé stessi, riconoscere le proprie doti, il proprio valore e poi iniziare a guardare agli altri.

Essi infatti tendono a giudicare con severità le altre persone, ma se prima imparano a fare un grande lavoro di autoanalisi, di crescita personale, possono arrivare a sviluppare un’empatia più solida e a giudicare con meno durezza.

Se infatti imparano a riconoscere il valore altrui e il proprio, diventano estremamente utili a sé stessi e agli altri.

Qualora invece non evolvano diventeranno individui che vivono male e che si dimostreranno strumenti inutili, incapace di svolgere il proprio ruolo di mediazione.

Nel loro percorso di crescita personale chi ha il 5 nella data di nascita si deve aprire al sacro, a ciò che trascende la materia. Sarà per loro evidente che quella parte eterna e trascendente è dentro di loro e in tutte le persone che li circondano.

Se queste consapevolezze saranno accompagnate dall’umiltà, le persone con il 5 saranno prima degli ottimi maestri per sé stessi e poi si trasformeranno in dei punti di riferimento importantissimi per gli altri.

Questi individui hanno un rapporto piuttosto conflittuale con l’autorità in senso generale ed è anche per questo che saranno loro, dopo attento percorso, a diventare delle vere autorità e potranno dunque svolgere il loro ruolo di collegamento con tutto ciò che non è visibile.

Spesso queste persone diventano dei maestri, delle guide, degli insegnanti… che aiutano gli altri ad intraprendere percorsi molto importanti dal punto di vista spirituale.

Tra gli Arcani Maggiori, la carta numero 5 è quella de Il Papa, ovvero il collegamento tra gli uomini e Dio, colui che costruisce i ponti, il Pontefice.

Non a caso con la mano sorregge un bastone mentre con l’altra benedice: protezione, collegamento e benedizione. Il Papa, attraverso la parola e l’intuito, trasmette gli insegnamenti che permettono agli individui di evolvere spiritualmente.

Egli condivide tutto ciò che gli giunge dal mondo invisibile e non trattiene nulla per sé: questa carta è legata all’archetipo del grande sacerdote-stregone.

Quando la carta de Il Papa esce in una stesa deve essere interpretata tenendo presente parole chiave come: saggezza, potere spirituale, guida morale, maestri, comunicazione, morale superiore.

Se invece la quinta carta degli Arcani Maggiori esce nella stesa in senso rovesciato bisognerà prendere in esame concetti e parole chiave ben diversi: dogmi religiosi, schiavitù, debolezza, incomprensioni, avarizia.

Le persone nate il 23 Novembre, dal punto di vista planetario, sono sotto il governo di Mercurio che è il pianeta connesso al cambiamento e alla rapidità di pensiero.

Considerando che, in questo momento di passaggio tra il segno dello Scorpione e quello del Sagittario, sono coinvolti anche Marte, Plutone e Giove, è possibile assistere allo sviluppo di personalità piuttosto instabili, sia dal punto di vista fisico che cambiando continuamente idea. Spesso si nota anche una certa superficialità di fondo in questi individui.

I nati in questo giorno

I nati il 23 di Novembre sono naturalmente portati a dimostrare tutta la loro insofferenza verso le autorità e i sistemi di repressione.

Non per forza devono credere in qualcosa di antagonistico: essi si ribellano quando non trovano giuste le regole imposte, anche non hanno ideologie o convinzioni alle loro spalle.

Se c’è da fare polemica, litigare o instaurare una lotta, essi non si tirano mai indietro. Hanno una natura combattiva che è davvero difficile da gestire ed infatti, anche in contesti pubblici, se è presente una persona che non sopportano, non mancheranno di farlo notare.

Tendenzialmente amano il “vivi e lascia vivere”, ma se qualcuno li provoca diventano delle furie scatenate. Ciò costituisce un evidente punto debole del loro carattere: essendo così reattivi le persone possono facilmente manipolarli.

La loro evoluzione inizierà qualora essi prendano consapevolezza di questo meccanismo ed imparino a gestire le proprie reazioni.

I conflitti, per i nati in questo giorno, iniziano presto, già nella famiglia d’origine, da giovanissimi, quando non esiteranno a scontrarsi con i genitori per le loro convinzioni ed il loro tratto ribelle non sarà facile da gestire nemmeno in età adulta.

La loro presenza di spirito ed il senso dell’umorismo spiccato dovrebbero essere utilizzati come armi per gestire meglio le tensioni ed evitare i conflitti.

Se imparano a ridere anche di sé stessi, il loro percorso di evoluzione potrà davvero iniziare con i migliori auspici.

Di fondamentale importanza è che i nati il 23 Novembre si aprano ad un percorso spirituale, che li porti a conoscere sé stessi, a prendere consapevolezza di sé stessi, degli altri e degli stadi più sottili dell’esistenza.

Soltanto attraverso questa fase di crescita personale essi potranno iniziare a sentirsi davvero felici e appagati.

La Salute

I nati il 23 Novembre dovrebbero porre molta attenzione alla loro salute mentale: essi infatti spesso subiscono gli effetti negativi del loro stesso temperamento nervoso e si isolano. L’avvicinamento a pratiche di crescita personale permetterà loro di conservare un certo equilibrio mentale che gli impedirà di sviluppare problematiche di natura psicologica. A tavola i nati in questo giorno si dimostrano particolarmente a loro agio e dovrebbero però evitare i cibi troppo grassi e optare su una dieta più sana ed equilibrata. L’attività fisica è raccomandata e dovrebbe essere integrata in un programma da rispettare pedissequamente, nonostante i molti impegni della vita quotidiana.

Il Santo del giorno

Il ventitreesimo giorno dell’undicesimo mese dell’anno è dedicato nel calendario cristiano a San Clemente I Romano, Papa e Martire. Vissuto nel I secolo, discepolo diretto dell’Apostolo Pietro di cui stava per diventare il primo successore, ma egli rifiutò lasciando il posto a Lino, poi a Cleto, per poi divenire il terzo Papa dopo il Principe degli Apostoli.

Un ultimo consiglio

I nati il 23 Novembre devono prendere il comando delle proprie reazioni, togliendosi così dalla possibilità di essere strumentalizzati dagli altri. Aprirsi ad un percorso di crescita personale è assolutamente necessario.

Clicca qui per vedere tutti i giorni di nascita

Lascia un commento

Effettua il login

Hai bisogno di aiuto?